Az. Agr. Ghiomo
Pere Madernassa
 

La coltivazione ha avuto origine a Guarene (CN), in un cascinale della frazione Madernassa da cui prende il nome, la pianta madre risale al 1784 ca., questo frutto è caratterizzato da una notevole rusticità e da una buona fertilità.
L’albero è vigoroso, preferisce il franco come porta innesto ed ha un frutto che è particolarmente adatto ad essere cotto. La forma del frutto è piriforme, lievemente appiattita all’estremità, di grandezza media. Il colore dell’epidermide è verdastro con sfumature a volte rossastre a volte grigio marrone, a seconda del terreno in cui si trova, la polpa è compatta. Si presta assai bene ad eeere conservata e trasportata. Questa pera è il frutto più caratteristico e generoso del Roero, mai troverete un sapore ed un gusto simile se non da quello nato nella sua zona d’origine.
Ancora oggi, come un tempo, molte massaie cucinano nei loro “putagè” (forni a legna) le loro teglie di pere madernassa.
È nostro orgoglio dirvi che il metodo da noi seguito per la produzione delle pere madernassa, come per uve e vino, è nel pieno rispetto della più antica tradizione contadina, inoltre da alcuni anni seguiamo il progetto AGROAMBIENTALE REGIONALE 2078/92, che è atto ad una riduzione dei fertilizzanti e dei fitifarmaci al fine di ottenere un prodotto ed un ambiente ancora più naturale e sano. Di questa pere ne sentirete parlare molto anche perchè sono state avviate le pratiche per ottenere la D.O.P. (Denominazione di origine protetta) , un riconoscimento che è sinonimo di antichissima tradizione e di grandissima identità di un prodotto e della sua zona di origine.

RICETTE.

Le due ricette tipiche della cucina contadina sono:
- cotte al formo a circa 180/200 gradi per un periodo che va da 30 a 40 minuti a seconda delle dimensione delle pere, con una spolverata di zucchero.
- bollite in vino rosso (molto indicato il Barbera) o bianco (Arneis) con aggiunta di spezie (cannella e chiodi di garofano) per circa 30 minuti.

 
 
Privacy Policy ALLISIO DESIGN